Download Free Templates http://bigtheme.net/ Websites Templates

Riparti dai Sibillini Experience: un giorno da pastore tra storie e natura

AziendaScolastici

Nella cucina di casa Scolastici c'è una foto: un uomo su un cavallo che indossa uno sguardo da brigante. Ha l'aria fiera e gli occhi buoni. Sono convinta che siano gli stessi occhi con cui osserva - da qualche parte - la sua famiglia e, in particolare, il nipote, che su un altopiano nel cuore del Parco dei Monti Sibillini ha deciso di tornare e di fermarsi, nonostante tutto. Nonostante il fatto che da adolescente non ci pensava proprio. Nonostante il fatto che poi ha cambiato idea e, qualche tempo dopo, è arrivato il terremoto. 

In occasione di Riparti dai Sibillini Experience, ho conosciuto meglio Marco dell'azienda agricola Scolastici.

Stampa Email

Fortunato Duranti e Adolfo Da Carolis in mostra a Rimini: due artisti marchigiani alla Biennale del Disegno 2018

 fig 1

La Biennale del Disegno di Rimini, in corso fino al 15 luglio, ci regala una doppia sorpresa per le Marche. All'interno della rassegna riminese, riconosciuta come una delle manifestazioni italiane più importanti sulle arti grafiche, quest'anno alla sua terza edizione, due ampie sezioni sono dedicate a Fortunato Duranti e Adolfo De Carolis, personalità di spicco nel panorama dell'arte tra Otto e Novecento, artisti originari rispettivamente di Montefortino e Montefiore dell'Aso, due piccoli borghi dell'entroterra marchigiano.

Stampa Email

Un salto indietro negli anni '60: gli "Affreschi all'aperto" di Montefalcone Appennino | Alessandra Tomassetti

Montefalcone 20740025591 c34b5bd0fb o

Veduta di Montefalcone Appennino. Ph: Nicola Pezzotta

Nel dibattito sulla pittura murale sviluppatosi negli anni Trenta in Italia, la voce di Corrado Cagli (Ancona, 23 febbraio 1910 - Roma, 28 marzo 1976), tra i protagonisti indiscussi dell'arte italiana e internazionale, si afferma con sensibilità e rigore sulle pagine della rivista "Quadrante". Il suo “Muri ai pittori”, scritto nel 1933, si colloca all’inizio della riflessione teorica di quella che diverrà una delle attività maggiormente praticate dal pittore, che dichiarava come per “convogliare le forze della pittura contemporanea” occorressero “i muri, le pareti”, in una visione in stretto rapporto con l'architettura, al centro delle sue esperienze di muralista. In altri scritti dello stesso anno Cagli si interroga sulla natura dell’uomo e del suo relazionarsi con il mondo e non può prescindere dal chiedersi: “Dov’è la fantasia?" affermando che "la fantasia rifugge dagli uomini che vivono la giornata, e nella febbre di essere utili e opportuni non s’accorgono di costruirsi intorno un muro. Su quel muro mille immagini di strade, riviste e cinema e dentro: ragionamenti che si fanno: mille immagini che sono un solo aspetto dell’anima. Dentro al muro, l’opportunità storica: fuori la fantasia dell’infinito” (tratto da E. Crispolti - M. Crescentini, I Tempi di Cagli, 1980 pp. 201-202).

Il muro ci permette di andare oltre e in esso entrambe le componenti individuate da Cagli possono convivere: storia e fantasia, vita e immaginazione; la pittura murale letta quale filtro e riflesso della realtà. Ed è ciò che è accaduto a Montefalcone Appennino, scenario, nel 1963, di una esperienza artistica che ha visto vari pittori confrontarsi nella realizzazione di affreschi dipinti nel centro storico del paese. Un episodio unico nelle Marche, raccontato per il nostro blog dalla storica dell’arte Alessandra Tomassetti, originaria di Montefalcone Appennino, che ha ricostruito attraverso le testimonianze degli artisti e le ricerche d’archivio, questo breve ma affascinante capitolo della pittura murale in Italia. 

Stampa Email

Autunno 2018, tempo di sagre nelle Marche

castagne 7451

Autunno, tempo di sagre. Nei mesi di ottobre e novembre nelle Marche c'è solo l'imbarazzo della scelta: dalla sagra delle castagne a quella dei tartufi, da quella della polenta a quella che racchiude tutti i sapori del nostro territorio. In questo articolo vi proponiamo il calendario di quello che voi (e la vostra pancia!) dovrete affrontare in questo autunno marchigiano, che, oltre a soddisfare il palato, regala un turpinio di colori caldi che appaga anche l'animo. 

Stampa Email

Carnevale degli Zanni, la storica festa di Pozza e Umito

zanni 7411

Pozza e Umito, due piccole frazioni di Acquasanta Terme in provincia di Ascoli Piceno, costituiscono lo scenario di uno dei più antichi e caratteristici carnevali della regione Marche, il Carnevale degli Zanni. La festa, che si svolge il sabato precedente al martedì grasso, nonostante l’unicità che la contraddistingue da tutte le altre feste della regione, è una delle meno conosciute e, fino a qualche anno fa, era appanaggio dei soli abitanti delle due frazioni.

Stampa Email

Il Giardino delle Farfalle tra natura e storia

GiardinoFarfalle9

Incontri lungo il percorso de Il Giardino delle Farfalle. Ph. Luca Marcantonelli

Esiste un luogo nelle Marche, a Montalto di Cessapalombo, ricco di natura, storia ed emozioni. Un luogo adatto a tutti e ideale per trascorrere momenti piacevoli e per conoscere il misterioso mondo dei lepidotteri, comunemente conosciuti come farfalle e falene. Stiamo parlando del Giardino delle Farfalle, un angolo ai piedi dei Monti Sibillini, gestito con competenza, passione e professionalità da Patrizio Guglini e Fabiana Tassoni

Stampa Email

Santa Maria in Pantano di Montegallo tra passato e presente

23022016 DSC 0095

Fig. 1 Chiesa di Santa Maria in Pantano, Montegallo (AP), prima degli eventi sismici del 2016. Ph: Nicola Pezzotta

Ne avevo sempre sentito parlare, almeno, da quando, qualche anno fa, mi ritrovai per lavoro a frequentare l’area dei Sibillini. Ed era come venire a conoscenza di una piccola leggenda. Mi raccontavano di una chiesa solitaria, dalle antiche origini, raggiungibile solo a piedi, quasi nascosta tra i Monti Sibillini e inserita lungo il percorso di un remoto tracciato, battuto nei secoli da pastori, mietitori e pellegrini. Una chiesa con all’interno un ciclo di affreschi del Seicento, ben noto agli studiosi e agli appassionati soprattutto per via delle Sibille che vi erano dipinte, figure mitiche che alimentano le leggende di questi luoghi da tempi immemori e alla cui presenza si deve la denominazione della chiesa Santa Maria in Pantano, nota anche come Santa Maria delle Sibille. Sarebbe stato bello poter essere entrati in quella chiesa, vista solo da fuori nel corso di una escursione, un’unica occasione per ammirarla dall’esterno silenziosa e “romita […] in un erboso pianoro con vista panoramica che spazia per tre quarti di campo dagli Appennini al mare Adriatico”, per ricordarla con le parole di Giuseppe Crocetti (Crocetti 1995, p. 243).

Stampa Email

8 Leggende del Monte Conero

Tramonto al Conero

Tramonto sulla Spiaggia di Mezzavalle. Ph: Nicola Pezzotta

Il Monte Conero è un promontorio con un'altitudine massima di 572 m s.l.m. collocato in una posizione particolare: sulla costa Adriatica, al centro dell'Italia. Già il solo fatto di essere una montagna sul mare, unito alle diverse esposizioni delle vallate e tipi di terreno presenti, ne fanno un'oasi naturalistica ricca di biodiversità. Proprio per questo motivo nel 1987, precisamente 30 anni fa, venne istituito il Parco Naturale del Monte Conero, primo parco naturale delle Marche.

Ma il Monte Conero è stato anche molto importante per le popolazioni locali, a partire dalla preistoria. Qui sono stati rinvenuti diversi manufatti di origine arcaica e sono presenti anche le incisioni rupestri più antiche delle Marche. Questa montagna ha colpito già da subito l'immaginario dei popoli che l'hanno vissuta. I suoi boschi fitti, i cunicoli e le grotte naturali, i rumori notturni, i fruscii.. sono tutti elementi che hanno contribuito alla nascita delle leggende che permeano la zona.

Le leggende sono davvero tante, e raccontarle tutte in questo spazio sarebbe stato impossibile. A seguire potete leggerne otto, scelte per la loro particolarità.

Buona lettura!

Stampa Email

Ti potrebbe interessare anche...

Iscriviti alla Newsletter

Entra in contatto

Contattaci

info@coninfacciaunpodisole.it
Contatto Skype (Nico): nico_pezzotta
Nico: +39 333 36 26 495

Vieni a trovarci

Strada Faleriense, 4265
63811 Sant'Elpidio a Mare (FM)

Quando puoi trovarci

Lun - Dom
24 ore su 24