Download Free Templates http://bigtheme.net/ Websites Templates

Progetto Alta Via delle Marche, racconti dall'Appennino

Alta via Marche

Il Monte Sibilla in programma nella 21° tappa dell'Alta Via delle Marche. Ph: Nicola Pezzotta 

L'entroterra marchigiano ha una grande ricchezza sia ambientale che culturale. Una ricchezza che sembra dimenticata, nascosta, perché in quelle zone difficilmente ci si capita. Spesso le strade a scorrimento veloce hanno tagliato fuori paesi che sopravvivevano solo grazie alla gente di passaggio. Così, questi centri si sono inevitabilmente spopolati e in alcuni casi sono stati addirittura abbandonati.

C'è frenesia nella vita di ogni giorno. Sembriamo avere fretta, dobbiamo correre... E' come se non ci sia più neanche il tempo per respirare. Ma verso cosa stiamo correndo? Dove dobbiamo andare? Lo sappiamo? Nel nostro spostarci, spesso non ci guardiamo neanche più intorno. Non ci meravigliamo più di niente.

E' ora di invertire questa tendenza, oggi più che mai visto che si parla di turismo "slow". Bisogna far capire che questi luoghi, oltre che belli da vedere sono anche vivibili. E a vivere in località immerse nella natura si può trarre solo giovamento. Poi oggi, con i mezzi che abbiamo, è possibile anche lavorare ovunque. Sta a noi decidere dove (leggi qui per approfondimenti).

Nel nostro piccolo, abbiamo deciso di dare rilievo a queste località per noi così affascinanti. E per fare ciò ci stiamo imbarcando in un viaggio di circa un mese alla scoperta della montagna marchigiana con le sue particolari tradizioni e i suoi panorami mozzafiato. Per fare questo viaggio abbiamo deciso di utilizzare solo il mezzo più usato da sempre, cioè i nostri piedi! :)

In cosa consiste esattamente il nostro progetto? Qui sotto vi svelo i dettagli.

Stampa Email

Le case di terra di Ficana, il passato che rivive

borgoficana3

Esistono luoghi che non devono essere lasciati andare, esistono identità e memorie che devono essere mantenute sempre vive. A Macerata esiste una bellissima testimonianza di un quartiere che è stato salvato prima che il passare del tempo lo deteriorasse inevitabilmente. Si tratta di un quartiere fatto di case di terra, Villa Ficana, oggi reso vivo non solo da chi è tornato ad abitarci, ma anche dall'entusiasmo di alcune associazioni locali che mantengono acceso il ricordo della sua storia.

Stampa Email

Abbadia di Fiastra, un posto per dedicare del tempo a se stessi

Fiastra 1

Chiostro dell'Abbadia di Fiastra. Ph: Nicola Pezzotta

In questi luoghi c’è qualcosa che mi ha sempre attratto.

Non li frequento per una qualche fede nel divino e neanche per una ricerca della mia cristianità. E’ più un immergersi in un’atmosfera di tranquillità che mi dà la possibilità di riflettere su me stesso. Riflettere sul perché facciamo delle scelte e perché non ne facciamo altre.

Pensare a quello che abbiamo dentro, non significa credere in qualcosa. Vi dico la verità, in realtà cattolico in senso stretto non ci sono mai stato.

“Ma allora in cosa credi?” mi potreste chiedere. In quel caso vi risponderei che credo nell’umanità delle persone, nell’altruismo, nell’avere fiducia, nel dare senza aspettarsi un ritorno personale, nel mettersi a disposizione degli altri, nei piccoli gesti quotidiani che riescono a far sorridere una persona.

Stampa Email

Torri, il palazzo che fu l'alloggio di Murat e Napoleone

palazzotorri soffitto 5286

Particolare del soffitto di Palazzo Torri

A Macerata, ieri, era una di quelle domeniche da coperta e divano, da tisana e film, uno di quei film non impegnati, ma leggeri leggeri, da farti dimenticare che sta per tornare, di nuovo, il lunedì. Ieri era la prima domenica di primavera, anche se la pioggia non smetteva di venir giù, ma era anche una domenica importante, uno di quei giorni in cui devi assolutamente dimenticarti della coperta, della tisana e dei film, ed anche della pioggia. Infatti era il 22 marzo, una delle due giornate FAI di primavera. 

Stampa Email

Il Monastero di Fonte Avellana: luogo di spiritualita'

 1

 Monastero di Fonte Avellana. Ph: Nicola Pezzotta

Ne stavo parlando proprio in questi giorni con una mia cara amica: “Abbiamo bisogno di andare da qualche parte dove non ci conosce nessuno, lontano, per pensare un po’ a noi stessi e a quello che vogliamo veramente”. Il primo luogo dalle nostre parti che mi viene in mente è sempre il Monastero di Fonte Avellana.

Non è facile parlare del Monastero di Santa Croce di Fonte Avellana senza risultare superficiali e incompleti. Per ciò che riguarda il monachesimo nelle Marche, la sua storia è talmente vasta ed importante che il solo pensiero di inoltrarsi in questo campo mi disorienta. Vi dico la verità, ho avuto molta difficoltà nello scrivere quest’articolo perché le cose da dire potrebbero essere molte e la paura di andare completamente da un’altra parte era grande.

Quindi ho deciso di parlarvi del Monastero "per pensieri". Cose che ho letto e che ho provato, gettate lì alla rinfusa, cercando di incuriosirvi e rimandandovi ad approfondire l’argomento e, quindi, inevitabilmente a visitarla.

Stampa Email

E' scoccata l'ora del nuovo orologio di Macerata

anticoorologio 4

L'orologio planetario della torre civica di piazza della Libertà / Macerata

"Ci si augura che con l'andar del tempo qualche munifico amministratore civico possa far riportare la torre come era in origine". Erano gli anni Cinquanta e sui giornali locali si leggevano queste parole. Ora sembra che quel munifico amministratore civico sia arrivato: la torre civica di Macerata è diventata la torre dei tempi con un nuovo orologio planetario, replica di quello cinquecentesco dei fratelli Ranieri che, per quasi 300 anni, ha scandito le ore dei maceratesi in piazza della Libertà.

Stampa Email

Helvia Recina, menù del giorno: ghiri ripieni

Nel 1963, presso gli scavi della città romana di Helvia Recina (Villa Potenza di Macerata), fu rinvenuto un vaso in terracotta che aveva delle caratteristiche molto particolari: la forma e le dimensioni erano riconducibili a quelle di una classica giara (dolium), ma le pareti laterali ed il fondo erano caratterizzati dalla presenza di numerosi fori eseguiti a freddo prima della cottura. La superficie interna inoltre era ricoperta da una serie di costolature sporgenti disposte a spirale fino all’imboccatura del vaso stesso. In un primo momento non venne riconosciuto come tale, ma si trattava di un “Glirarium”, ovvero un recipiente utilizzato per l’allevamento dei ghiri a scopo alimentare.

ghiri

Glirarium di Helvia Recina - Foto dal Web

Stampa Email

Lo scultore Panati: diamo forma alla sua memoria

 1

 Monumento a Lauro Rossi in piazza Lauro Rossi a Macerata. Ph: Lucia Paciaroni

Sono passata molte volte per quella piazza, piccolissima, in pieno centro storico. Il noto compositore ed io ci siamo sempre guardati di sfuggita. Lui, immobile, collocato al centro di quella piazzetta nascosta, con il suo busto in bronzo su di un basamento in pietra, ed io tutti i giorni a passargli di fronte con passo veloce.

Non mi ero mai fermata in piazza Lauro Rossi, a Macerata, in quel luogo intitolato al musicista maceratese al quale è dedicato anche il teatro principale della città.

La storia che mi ha portato in quel posto, però, non parte da Lauro Rossi, ma da chi ha realizzato il monumento che lo rappresenta, lo scultore maceratese Carlo Panati.

Lo scorso 28 ottobre, infatti, l’Università degli Studi di Macerata ha organizzato un interessante convegno presso l’antica biblioteca rivolto agli studenti e dedicato proprio alla figura e all’opera di Panati (1850-1935). Sono intervenuti il professore Giuseppe Rivetti, Presidente del Corso di Laurea in Teorie, Culture e Tecniche per il Servizio Sociale, l’archeologa Margherita Corrado e lo scultore Elio Malena.

Stampa Email

Ti potrebbe interessare anche...

Iscriviti alla Newsletter

Entra in contatto

Contattaci

info@coninfacciaunpodisole.it
Contatto Skype (Nico): nico_pezzotta
Nico: +39 333 36 26 495

Vieni a trovarci

Strada Faleriense, 4265
63811 Sant'Elpidio a Mare (FM)

Quando puoi trovarci

Lun - Dom
24 ore su 24